LA NOSTRA STORIA

Fly Synthesis produce ed esporta in tutto il mondo velivoli ultraleggeri realizzati completamente in materiali compositi. Gli stabilimenti si trovano in Friuli, culla dell'aviazione in Italia, regione che vanta importanti tradizioni aeronautiche e dove il volo è quotidianità, tanto da ospitare da sempre la Pattuglia acrobatica nazionale. È in questo retroterra ideale che alla metà degli anni Ottanta i primi fondatori di quella che diverrà Fly Synthesis, cominciarono a sperimentare ultraleggeri monoposto con fusoliera in fibre resinate. Da quelle iniziali esperienze si arrivò alla realizzazione dello Storch, primo ulm completamente in compositi e con ala a profilo laminare, che al suo apparire, nel 1991, ha rappresentato per l'aviazione ultraleggera l’indiscusso punto di svolta tra i pionieristici "tubi e tela" e gli attuali velivoli, moderni e sicuri. Nel 2000 un gruppo di Pordenone rileva la vecchia società e nasce l'attuale Fly Synthesis S.r.l. La nuova dirigenza, un team giovane e dinamico guidato dal Presidente Sonia Felice, in pochi anni ha rimodernato e l'ha portata ad alti livelli nel panorama italiano, vincendo anche il Premio del Lavoro e del Progresso Economico nel 2005.
L'ufficio commerciale cura il mercato italiano e la fitta rete di concessionari sparsi per il mondo. La sua disponibilità, preparazione e attenzione alle esigenze del cliente sono i suoi punti di forza.
L’ufficio tecnico, gestisce la ricerca tecnologica e lo sviluppo dei nuovi progetti, cura la parte di certificazione dei velivoli e di collaudo di tutte le parti strutturali, rispettando le più strette normative internazionali. Inoltre, affiancato dalla produzione, l'ufficio tecnico è impegnato al costante miglioramento dei nostri velivoli. L'ufficio per la gestione della qualità della Fly Synthesis ha ottenuto, nell'agosto del 2006, l'attestato di "Sistema di Gestione per la Qualità Certificato UNI EN ISO 9001:2008". Un altro punto a dimostrazione della professionalità dell'Azienda.
Con una giusta dose di orgoglio e con attenzione particolare viene seguito il settore compositi, sia per quanto riguarda lo studio, sia per i severissimi test ai quali i materiali vengono sottoposti, al fine di garantire massima sicurezza e ottima competitività dei nostri prodotti. Il reparto produttivo si avvale di personale altamente qualificato e appassionato. Nonostante l'impronta industriale, i nostri modelli sono realizzati con la stessa cura artigianale che caratterizza da sempre la nostra produzione. Questo fa si che ogni velivolo consegnato al cliente diventi il "suo" velivolo... 
E' tutto questo che rende i nostri prodotti unici e particolari. I nostri numerosi clienti lo dimostrano. Sono loro che ci spingono a guardare avanti con ottimismo e impegno, e che ci fanno costantemente crescere e preparare ad affrontare sfide future. Filo conduttore comune a personale, piloti e a tutti i collaboratori, è l'autentica passione per la perfezione che il volo e i velivoli rappresentano, la voglia di raggiungerla, viverla e dimostrarla. Sempre. È l’anima che esce “di serie” con ogni velivolo Fly Synthesis.
 

IL NUOVO STABILIMENTO

Nel Settembre 2006, la Fly Synthesis ha lasciato la storica sede di Gonars trasferendosi a Lavariano di Mortegliano, comune che ospita la famosa pista militare di Risano, di cui siamo orgogliosamente unici concessionari. L'impianto produttivo consiste in 3.000 metri quadri, divisi tra assemblaggio e reparto compositi. La modernità dello stabilimento consiste anche nello studio scrupoloso del "plant layout", cioè la sistemazione plano-altimetrica di un impianto industriale, il quale ha permesso un aumento di produttività, razionalizzando e minimizzando le fasi del ciclo di lavoro, utilizzando al meglio lo spazio a disposizione e assicurando condizioni di lavoro soddisfacenti e in sicurezza.